Nasce “Metodo Classico” l’extra brut millesimato di Alessandro di camporeale

Nasce “Metodo Classico” l’extra brut millesimato di Alessandro di camporeale

(Pubblicato su rossettoecioccolato.net, 1 luglio 2020)

Il primo spumante nato in casa Alessandro di Camporeale è stato presentato ieri in diretta facebook e instagram. L’Extra Brut millesimato dal carattere mediterraneo, degustato ieri nel corso della diretta social, ha profumi agrumati e una trama aromatica ed elegante, con un perlage vivo e persistente. Il Metodo Classico avrebbe dovuto fare la prima uscita pubblica al Vinitaly ma a causa dell’annullamento di tutte le fiere e degli eventi di degustazione legati al vino, i cugini Anna, responsabile dell’enoturismo e dell’amministrazione, Benedetto, l’enologo che segue tutto il processo produttivo, e Benedetto, responsabile marketing dell’azienda,  hanno presentato sui social il nuovo extra brut e il Trainara Etna bianco DOC. Un’idea molto apprezzata da giornalisti e appassionati che hanno seguito con attenzione la diretta ponendo le proprie domande e ricevendo prontamente le risposte alle loro curiosità in un confronto moderno scandito dalla dinamicità dei social. Dalla caratteristiche del vino agli abbinamenti cibo vino, la diretta, ancora visibile sui canali dell’azienda, ha trattato tanti temi.

METODO CLASSICO

Il Metodo Classico è prodotto dalle uve di catarratto extra lucido coltivate nel vigneto più antico della tenuta, lo stesso da cui nasce il Catarratto Vigna di Mandranova. Questo appezzamento, che sorge sulla collina che sovrasta la pianura di Mandranova, ha delle caratteristiche morfologiche tali da produrre uve con parametri qualitativi diversi. L’uva raccolta nella parte più alta del vigneto è stata destinata alla produzione del Catarratto Vigna di Mandranova, mentre l’uva coltivata nella parte più bassa al Metodo Classico.  

È quasi come se la vigna stessa ci avesse suggerito questa porzionatura – spiegano i cugini Alessandro –  nella parte superiore del vigneto la mancanza di irrigazione procura alle piante uno stress idrico tale da stimolare la maturazione delle uve, le quali sviluppano caratteristiche ideali per la vinificazione del nostro cru di Catarratto; la porzione più bassa invece, ricevendo l’acqua che defluisce dall’alto, cresce più vigorosa e le uve maturano più lentamente accumulando un contenuto zuccherino decisamente inferiore alle altre; di conseguenza il vino prodotto da queste uve ha un’acidità elevata, un contenuto più basso di alcol e sentori più speziati. Da qui nasce l’idea di produrre il Metodo Classico”.

Il processo di spumantizzazione avviene dopo circa 6 mesi di affinamento del vino in acciaio e la rifermentazione dura 3/4 settimane circa. Lo spumante viene poi sistemato nei locali di affinamento della cantina, dove riposa per circa 36 mesi sui lieviti a temperatura controllata. 

La sboccatura del primo millesimo dell’azienda, il 2016, è avvenuta a febbraio di quest’anno. Il lungo affinamento ha regalato al vino note di torrefazione e sentori tostati, perfettamente integrati a sentori più fragranti di agrumi ed erbe aromatiche. 

TRAINARA ETNA BIANCO 2018

Il Trainara Etna Bianco 2018 è il primo vino prodotto sull’Etna da Generazione Alessandro. Un nuovo progetto, dalla forte identità, portato avanti dai tre cugini sul Vulcano. L’Etna bianco nasce da uve carricante e catarratto coltivate sul versante nord-est del vulcano, a Castiglione di Sicilia, nella terra sabbiosa di contrada Piano Filici. Si distingue per la grande freschezza e sapidità mentre si fanno apprezzare note di citronella, timo, salvia e nepitella.

ALESSANDRO DI CAMPOREALE

Alessandro di Camporeale è un’azienda storica nel mondo del vino, nata nei primi del 900, che grazie all’impegno dei fratelli Rosolino, Antonino e Natale, oggi affiancati dai figli Anna, Benedetto e Benedetto ha rivoluzionato la produzione dando vita a vini eleganti, di grande struttura.

ENOTURISMO

L’azienda accoglie i visitatori in cantina e nel vigneto per mostrare dal vivo come nascono i vini. 

Link all’articolo